Mozilla rimuove tutte Avast estensioni di Firefox

0
27

da Martin Brinkmann su dicembre 03, 2019 in Firefox –
Non ci sono commenti

Se si cerca Avast o AVG sul sito ufficiale di Mozilla Add-ons sito web, è possibile notare che i risultati da parte di queste aziende vengono restituiti. Né Avast Online Security o SafePrice, né AVG Online Sicurezza o SafePrice, sono tornato dal Negozio, attualmente, anche se queste estensioni esiste.

Sembra che Mozilla rimosso queste estensioni dal suo Store. Quando si tenta di aprire un Negozio Url di Avast o AVG estensioni si ottiene un “Oops! Non siamo in grado di trovare la pagina” messaggio di errore.

avast avg firefox add-ons removed

Le estensioni non sono nella lista nera da parte di Mozilla. Nella lista nera sono le estensioni di mettere su un block list — che è pubblicamente disponibile qui — e rimosso dal browser dell’utente come conseguenza.

Avast e AVG estensioni sono state rimosse, ma non sono bloccati, il che significa che le estensioni rimanere installato in Firefox, per il momento.

Mozilla aggiunto diverse decine di estensioni per Firefox per la black list per il 2 dicembre, 2019 raccolta dei dati dell’utente senza la divulgazione o il consenso, ma Avast estensioni non sono sulla lista.

Che cosa è successo?

Wladimir Palant, creatore di AdBlock Plus, ha pubblicato un’analisi di Avast estensioni verso la fine di ottobre 2018 sul suo sito personale. Ha scoperto che Avast estensioni dei dati trasmessi Avast che ha fornito Avast con le informazioni della cronologia di navigazione. I dati che l’estensione invia superato ciò che è necessario per la funzione di secondo Palant.

Le estensioni di includere l’indirizzo completo della pagina, il titolo della pagina, referer, e altri dati nella richiesta. Dati che viene inviato quando le pagine vengono aperte, ma anche quando le schede sono accesi. Nelle pagine di ricerca, ogni singolo link sulla pagina sono presentate.

I dati qui raccolti, che va ben oltre il semplice fatto di esporre i siti visitati e la cronologia di ricerca. Scheda di gestione e finestra identificatori così come le vostre azioni permette di Avast per creare quasi una ricostruzione precisa del tuo comportamento di navigazione: quante schede hai aperto, quali siti web che si visita e quando, quanto tempo speso nella lettura/visione dei contenuti, cosa non si fa clic lì e quando si passa a un’altra scheda. Tutto ciò che è collegato a un numero di attributi permettendo Avast per riconoscere in modo affidabile, anche un identificatore univoco dell’utente.

Palant ha concluso che la raccolta dei dati non è stata una svista. L’azienda dichiara nella propria informativa sulla privacy che si utilizza anonimi i Dati Clickstream per “cross-product marketing diretto, cross-lo sviluppo di prodotto e di terze parti tendenza analytics.

Mozilla è in trattative con Avast attualmente secondo Wladimir Palant. Gli scenari possibili sono che Mozilla aggiungere le estensioni per la black list che mantiene o richiesta che Avast apporta modifiche al estensioni, prima vengono ripristinati.

Le estensioni sono ancora disponibile per Google Chrome, al momento della scrittura.