TSMC sta costruendo una nuova fabbrica di chip in Giappone, ma avverte di una fornitura “stretta” fino al 2022

0
10

TSMC ha annunciato l'intenzione di espandere i suoi sforzi di produzione di chip con una nuova fabbrica in Giappone durante la sua chiamata sugli utili del terzo trimestre del 2021, segnando l'ultima espansione per quello che è già il più grande produttore di chip del mondo, tramite Reuters. Ma la notizia arriva quando la società avverte anche che l'offerta sarà “stretta” per i chip per tutto il 2022 a causa della carenza in corso.

Il nuovo impianto dovrebbe concentrarsi sulla produzione di chip con tecnologie più vecchie, invece dei processori all'avanguardia che TSMC è meglio conosciuto per fornire ad aziende come Apple, AMD, Nvidia e Qualcomm. Ciò è particolarmente importante, dato che sono quei chip più vecchi, come quelli che si trovano nelle auto per controllare gli airbag e le cinture di sicurezza o il chip di gestione dell'alimentazione in un iPhone, ad avere i maggiori problemi di alimentazione.

Ma ci vorrà ancora un po' di tempo prima che la nuova fabbrica sia online, con la produzione che non dovrebbe iniziare fino alla “fine del 2024”. TSMC sta inoltre finalizzando i piani per il nuovo stabilimento, con il CEO C.C. Wei, osservando i guadagni dell'azienda, afferma che la nuova fabbrica giapponese ha ancora bisogno dell'approvazione del consiglio di amministrazione di TSMC.

TSMC aveva precedentemente avvertito ad aprile che le carenze potevano durare fino al 2022. Wei ha quindi osservato: “Nel 2023, spero che potremo offrire più capacità per supportare i nostri clienti. In quel momento, inizieremo a vedere un po' allentare la tensione della catena di approvvigionamento”. Anche il CEO di Intel, Pat Gelsinger, ha espresso preoccupazione per la fornitura del 2022, dicendo alla BBC a luglio che ci sarebbero voluti “un anno o due” prima che la carenza si esaurisse. E mentre il CEO di AMD, Lisa Su, era più ottimista quando ha parlato alla Code Conference del 2021, ha anche notato che l'offerta per almeno la prima metà dell'anno sarà “probabilmente ridotta”.

Secondo quanto riferito, TSMC sta aumentando i prezzi per i suoi prodotti a semiconduttore di circa il 10% per i suoi chip avanzati e di circa il 20% per i suoi prodotti meno avanzati (il tipo di chip di cui la nuova fabbrica giapponese dovrebbe aiutare ad aumentare l'offerta) per provare sia per ridurre la domanda sia per aiutare a finanziare gli investimenti pianificati.

E investire per espandere la propria capacità di soddisfare tale domanda alle stelle – e aiutare a prevenire future carenze – è una priorità chiave per il TSMC. La società ha già annunciato l'intenzione di investire 100 miliardi di dollari entro il 2023 per aumentare la propria capacità produttiva, che include il pianificato hub di produzione da 12 miliardi di dollari in Arizona e il nuovo stabilimento giapponese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here