Il capo di Instagram Adam Mosseri testimonierà davanti al Congresso

0
22

Il capo di Instagram Adam Mosseri testimonierà davanti al Congresso per la prima volta il mese prossimo, come riportato per la prima volta dal New York Times mercoledì.

La testimonianza di Mosseri di dicembre segue mesi di esame da parte dei legislatori del Senato preoccupati su come Facebook possa danneggiare la salute mentale dei giovani utenti. Da quando l'informatore di Facebook Frances Haugen ha fatto trapelare rapporti interni di Facebook al Wall Street Journal all'inizio di quest'anno, i senatori hanno tenuto una serie di udienze su come prodotti come Instagram possono incoraggiare comportamenti autolesionisti negli adolescenti, specialmente nelle giovani donne.

La sottocommissione per la protezione dei consumatori del Comitato per il commercio del Senato ha tenuto la sua prima udienza di questa serie a settembre con il capo globale della sicurezza di Facebook, Antigone Davis. Rispondendo al reportage del Journal in quel momento, Davis si è opposto alla segnalazione del giornale secondo cui Instagram era dannoso. Prendendo atto di questa controversia, il senatore Richard Blumenthal (D-CT) ha invitato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg a comparire davanti al comitato per correggere qualsiasi “testimonianza imprecisa” fornita da Davis.

In una lettera successiva, Blumenthal estese l'invito anche a Mosseri. “I genitori di tutta l'America sono profondamente turbati dai rapporti in corso secondo cui Facebook sa che Instagram può causare danni distruttivi e duraturi a molti adolescenti e bambini, in particolare alla loro salute mentale e al loro benessere”, ha affermato nella lettera di ottobre. “Quei genitori e i venti milioni di adolescenti che utilizzano la tua app hanno il diritto di conoscere la verità sulla sicurezza di Instagram.”

Blumenthal ha promesso di approvare le nuove norme sulla sicurezza dei bambini online attraverso la legislazione alla luce di queste recenti relazioni. Il comitato ha già presentato disegni di legge che porrebbero nuovi limiti alla progettazione di piattaforme e tipi di contenuti destinati ai bambini di età inferiore ai 16 anni. Anche il senatore Josh Hawley (R-MO) ha presentato un disegno di legge che consentirebbe ai genitori di citare in giudizio aziende tecnologiche che hanno dimostrato di aver causato lesioni fisiche o mentali ai bambini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here