Il piano dei democratici per aumentare l'”equità degli alberi” è in realtà una buona idea

0
20

Gli alberi sono diventati una parte controversa del Build Back Better Act dei Democratici, il disegno di legge sulla riconciliazione del budget che comprende ampi programmi sociali e ambientali. I repubblicani del Congresso hanno sequestrato i 3 miliardi di dollari nella proposta di legge da quasi 2 trilioni di dollari stanziata per piantare alberi, con l'obiettivo di aumentare l'”equità degli alberi” – nonostante il fatto che questa sia una strategia che secondo gli esperti potrebbe ridurre le disparità di salute nelle città.

Mentre gli oppositori hanno definito le disposizioni sull'equità dell'albero un indicatore della “scontata follia di spesa” dei Democratici e di uno “spreco [di] ancora più dollari dei contribuenti”, in realtà, le disparità nella copertura degli alberi tra le città americane sono un problema enorme che colpisce l'esposizione al calore, la qualità dell'aria e altro, con gravi conseguenze sulla salute delle persone. Questa iniquità si basa in realtà su un retaggio di segregazione, inquinamento e disinvestimento nelle comunità di colore. Piantare alberi nei posti giusti potrebbe essere un passo verso la guarigione di alcune di queste ingiustizie.

“Stiamo privando le comunità”

“Stiamo privando le comunità che hanno bisogno e dipendono da quegli alberi per aiutarle a vivere una buona qualità della vita”, afferma Charity Nyelele, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Scienze del sistema terrestre dell'Università della California, Irvine.

Secondo i dati del Tree Equity Score, un'iniziativa sostenuta dall'organizzazione no-profit American Forests, i quartieri in cui la maggioranza dei residenti sono persone di colore hanno, in media, il 33% in meno di copertura della chioma degli alberi rispetto ai quartieri a maggioranza bianca. Gli americani di colore hanno maggiori probabilità di vivere in “isole di calore urbane”, luoghi che intrappolano il calore perché c'è molto più cemento e asfalto che alberi e vegetazione.

Non è un caso. Le isole di calore urbano si sovrappongono anche alle mappe dei quartieri contrassegnati da righe rosse, luoghi in cui i neri americani furono spinti a trasferirsi dagli anni '30 a causa di politiche abitative discriminatorie che negavano loro mutui e assicurazioni. Secondo una ricerca pubblicata l'anno scorso, questi quartieri raggiungono temperature fino a 7 gradi Celsius più elevate rispetto ai vicini quartieri non contrassegnati da linee rosse.

Una soluzione per raffreddare le isole di calore urbane è piantare più alberi. Gli alberi non solo forniscono ombra, ma riducono anche le temperature quando l'acqua evapora dalle loro foglie (un processo di raffreddamento chiamato evapotraspirazione che è simile alla sudorazione umana). Uno studio a Phoenix ha scoperto che gli alberi erano ancora più efficaci nell'aiutare i quartieri a rilassarsi durante il giorno rispetto ad altre strategie di mitigazione del calore, come dipingere i tetti e le strade di bianco per riflettere le radiazioni del sole.

Un servizio salvavita

Questo è un servizio salvavita. Il caldo estremo ha ucciso più persone di qualsiasi altro disastro legato al clima negli Stati Uniti negli ultimi trent'anni. I decessi sono spesso concentrati nelle comunità più vulnerabili. A New York City, ad esempio, il caldo estremo ha ucciso un numero sproporzionatamente alto di residenti neri. Le ondate di calore stanno diventando sempre più pericolose a causa della crisi climatica.

“La maggior parte delle persone pensa solo che si tratti di abbellimento o estetica, basta piantare alberi perché sono belli e belli da vedere”, dice Nyelele. “Ma non è così. Riguarda i benefici che possiamo trarre.”

Ci sono altri vantaggi nell'avere più alberi nei quartieri. Gli alberi possono effettivamente aiutare a ripulire l'inquinamento atmosferico, che è un altro problema comune nei quartieri senza molto spazio verde. E possono ridurre le inondazioni stradali perché le loro radici e il terreno in cui crescono assorbono l'acqua, al contrario delle superfici impermeabili come l'asfalto.

Abbastanza divertente, i repubblicani hanno attaccato il Build Back Better Act e le sue disposizioni sugli alberi anche se in realtà sono stati un fan della piantagione di alberi come strategia per affrontare il cambiamento climatico. L'anno scorso, l'ex presidente Trump ha persino impegnato gli Stati Uniti ad aderire a un'iniziativa per piantare un trilione di alberi in tutto il mondo. Sebbene tale iniziativa abbia raccolto critiche significative da parte degli scienziati, le foreste sane sono importanti serbatoi di carbonio, perché gli alberi intrappolano e immagazzinano l'anidride carbonica che riscalda il pianeta.

“Ci sono anche vantaggi che non puoi davvero misurare”, afferma Ariane Middel, assistente professore all'Arizona State University che si occupa di scienze del clima urbano. “Solo stare nella natura ha dei benefici, in generale per la salute delle persone. E questi sono davvero difficili da mettere in numeri.”

Attualmente, il Build Back Better Act include 3 miliardi di dollari in sovvenzioni a tribù, agenzie statali, governi locali e ONG per piantagione di alberi. Dà la priorità ai “progetti che aumentano l'equità degli alberi”, ma i dettagli su come verrebbero spesi i soldi sono altrimenti scarsi. Ci sono altri 100 milioni di dollari in conto per il servizio forestale per creare nuove foreste urbane.

Anche se diventerebbe il più grande pacchetto di politiche climatiche nella storia degli Stati Uniti se alla fine diventasse legge, il disegno di legge deve ancora affrontare un duro voto nel Senato diviso dopo mesi di dispute politiche< /p>

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here