I creatori di AI Dungeon stanno lanciando una piattaforma di gioco sperimentale basata sull'intelligenza artificiale

0
118

Latitude, la startup dietro il gioco testuale AI Dungeon, si sta espandendo in una nuova piattaforma di gioco basata sull'intelligenza artificiale chiamata Voyage. La società ha annunciato venerdì la closed beta, aprendo una lista d'attesa per gli attuali utenti di AI Dungeon. È il passo successivo per un'azienda che ha iniziato con un progetto di hackathon universitario, ma che alla fine spera di aiutare altre persone a creare i propri giochi utilizzando modelli di intelligenza artificiale addestrati.

AI Dungeon, lanciato come AI Dungeon 2 nel 2019, è alimentato dagli algoritmi di generazione di testo GPT-2 e GPT-3 di OpenAI. Per iniziare, generi del testo introduttivo o scrivi la tua configurazione dell'avventura. Quindi puoi inserire qualsiasi comando tu voglia e un Dungeons & Il maestro del gioco virtuale in stile Dragons improvviserà del testo che descrive il risultato. È molto strano e molto divertente, ma è leggero sulle meccaniche di gioco tradizionali, più simile a un motore di fiction interattivo.

Voyage offre giochi più strutturati. C'è un esperimento ispirato a Reigns chiamato Problemi medievali, in cui sei il sovrano di un regno e inserisci comandi di testo a mano libera per i tuoi consiglieri, quindi vedi il risultato riflesso nelle valutazioni di successo. È ancora molto simile a AI Dungeon, ma con un'inquadratura più chiara per ciò che dovresti fare e un sistema per valutare il successo, anche se dopo aver giocato con il gioco, quel sistema sembra abbastanza indulgente e più che un po' casuale.

Un'immagine dal gioco di società Pixel ThisUn'immagine dal gioco di società Pixel This Un'immagine dal party game Pixel This

Pixel This, nel frattempo, è un party game dove una persona inserisce una frase, l'intelligenza artificiale ne genera un'immagine pixelata e quell'immagine aumenta lentamente di risoluzione finché un altro giocatore non la indovina. È un po' come l'app artistica Dream abbinata a una meccanica in stile Pictionary.

Il CEO di Latitude Nick Walton descrive Voyage come un'evoluzione naturale per Latitude. Per l'azienda, “i giochi di intelligenza artificiale stanno ricominciando dall'inizio” – con avventure testuali che ricordano Zork o Colossal Cave Adventure. “Ora stiamo passando alle immagini 2D in cui hai un certo livello di immagini”. AI Dungeon, incluso in Voyage, ha recentemente aggiunto immagini prodotte da AI create con il generatore di immagini Pixray.

L'obiettivo finale è aggiungere strumenti per la creazione di giochi, non solo giochi, a Voyage. “La nostra visione a lungo termine è consentire ai creatori di creare cose che sono dinamiche e vive in un modo che le esperienze esistenti non lo sono, ed essere anche in grado di creare cose che in passato avrebbero richiesto studi di un centinaio di persone”, afferma Walton . Non esiste una tabella di marcia precisa, ma Latitude prevede di passare la prima metà del prossimo anno a lavorare sul sistema.

Latitude spera di aggiungere strumenti per la creazione di giochi, non solo altri giochi

Strumenti creativi potrebbero aiutare Voyage a trovare un business plan a lungo termine. AI Dungeon è attualmente gratuito per una serie di funzionalità basate su GPT-2 e basato su abbonamento per l'accesso all'algoritmo GPT-3 di qualità superiore. Dopo la versione beta di Voyage, Latitude prevede di introdurre anche un abbonamento.

Ma i nuovi giochi di Voyage non hanno ancora la versatilità o la rigiocabilità di AI Dungeon: sono ancora chiaramente i prodotti di un'azienda che cerca di decifrare giochi basati sull'apprendimento automatico. “Questo approccio è una delle cose che penso sarà davvero utile in termini di possibilità di iterare e scoprire quali esperienze piacciono alle persone”, afferma Walton. “Con i giochi tradizionali, puoi prendere modelli esistenti e creare un gioco che sei abbastanza sicuro che le persone apprezzeranno. Ma questo spazio è così diverso, ed è difficile saperlo per forza”. La domanda è quanto le persone vorranno pagare per far parte di quel processo.

Man mano che la missione di Latitude si espande, sarà probabilmente necessario prestare attenzione con l'interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) di OpenAI. L'organizzazione approva i progetti GPT-3 su base individuale e i progetti devono aderire alle linee guida sui contenuti volte a prevenire l'uso improprio. Latitude ha lottato con queste restrizioni in passato, dal momento che AI ​​Dungeon offre agli utenti molta libertà di modellare le proprie storie, portando alcuni utenti a creare scenari sessuali inquietanti che hanno allarmato OpenAI. (Si occupa anche di problemi di sicurezza relativi ai comandi utente.) La startup ha trascorso mesi a lavorare su sistemi di filtro che bloccavano accidentalmente contenuti fittizi più innocui prima di concludere un accordo in cui alcuni comandi utente sarebbero stati inviati a un algoritmo non OpenAI.

” Se provi a fare qualcosa di super serio con l'IA… sarà difficile”

Pixel This e Medieval Problems sono sistemi più chiusi con meno ovvi rischi di moderazione, ma l'introduzione di strumenti creativi rischia di intaccare il controllo di OpenAI su GPT-3, il che potrebbe porre una serie di problemi. Walton afferma che nel tempo, Latitude spera di trasferire più giochi su altri algoritmi. “Avremo un po' più di struttura e sistemi in modo che non si limiti a consumare direttamente l'API [OpenAI] allo stesso modo. E allo stesso tempo, penso che la maggior parte dei nostri modelli saranno probabilmente quelli che ospitiamo noi stessi”, afferma. Ciò include modelli basati su progetti open source emergenti, che hanno avuto problemi a competere con il lavoro di OpenAI ma sono avanzati sin dai primi giorni. “Non credo che il divario durerà così a lungo”, afferma Walton.

Molti giochi utilizzano la generazione procedurale che remixa gli elementi costitutivi creati dagli sviluppatori per creare enormi quantità di contenuti e la maggior parte dei videogiochi “AI” è un insieme di istruzioni relativamente semplice. Un'azienda come Latitude, al contrario, utilizza algoritmi addestrati per produrre testo o immagini che si adattano a un modello da un set di dati. (Pensali come sistemi di completamento automatico super-avanzati.) In questo momento ciò può rendere le esperienze risultanti altamente imprevedibili e la loro assurdità è spesso parte del loro fascino: al di fuori dei giochi, anche altre aziende come NovelAI hanno sfruttato la generazione di testo per il lavoro creativo.< /p>

Ma Latitude sta ancora cercando di capire come creare sistemi in cui i giocatori possano aspettarsi risultati equi e coerenti. Gli algoritmi di generazione del testo non hanno alcun senso integrato del successo o meno di un'azione, ad esempio, e i sistemi per esprimere tali giudizi potrebbero non essere d'accordo con la normale intuizione umana. Gli algoritmi di generazione di immagini sono ottimi per produrre arte strana, ma in un gioco come Pixel This, i giocatori non possono necessariamente prevedere quanto sarà riconoscibile una determinata immagine.

Per ora, la soluzione di Latitude è per immergersi nel caos. “Se provi a fare qualcosa di super serio con l'intelligenza artificiale in cui le persone si aspettano di avere un alto livello di coerenza, sarà difficile, almeno fino a quando la tecnologia non migliorerà”, afferma Walton. “Ma se in un certo senso abbracci questo aspetto e lasci che sia più folle e stravagante, allora penso che tu sia un'esperienza divertente e le persone saranno deliziate da quelle sorprese.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here