Google cancella AMP confuso Url nascondendo google.com

0
10

Google per costruire gli standard web basato su AMP quadro
Google sta cercando di costruire gli standard web, che permetterà il caricamento istantaneo per i non-AMP contenuti web. Leggi di più: http://zd.net/2oUEvUu

Google ha migliorato il suo AMPLIFICATORE o Accelerazione del Mobile Pagine per rendere gli Url più semplice e meno confusione.

AMP mira a consentire ai siti web di caricare più velocemente il recupero di pagine dalla cache di Google, ma ha avuto un inconveniente, ogni URL AMP pagine iniziato con https://google.com/amp.

Questa stranezza era fuori mettendo a editori, il cui marchio è stato sepolto dietro il Google prefisso, e a Google. A gennaio scorso, Google ha annunciato una soluzione che conservano l’originaria URL AMP pagine, che era disponibile in anteprima per gli sviluppatori nel mese di novembre per Chrome 71, ed è ora in fase di implementazione a livello più ampio.

La risposta alla AMP URL problema sono “firmate ” scambi”, che consentono a un editore di dominio per essere visualizzato nella barra degli indirizzi del browser, anche se il contenuto viene caricato dalla cache di Google quando un utente fa clic su un AMPLI link nei risultati di Ricerca di Google.

“A firma di cambio è un formato di file, definito nel web specifiche di confezionamento, che consente al browser di fiducia di un documento, come se si appartiene alla vostra origine”, spiega Google.

“Questo consente di utilizzare cookie propri e di archiviazione per personalizzare il contenuto e semplificare analytics integrazione. La tua pagina viene visualizzata sotto il tuo URL invece di google.com/amp URL”.

Il nuovo formato crea un po ‘ di lavoro extra per gli editori, che avrai bisogno di pubblicare una firma scambiati versione del loro contenuto, così come il non-firmato versione di exchange.

Per ora la funzione è supportata solo da Chrome, tuttavia Google note di una prossima versione di Microsoft Bordo browser sarà anche di supporto.

Cloudflare è anche sostenere l’iniziativa e ha fatto quello che si chiama “AMP Reale URL” disponibile gratuitamente per tutti i suoi clienti.

Il cambiamento dovrebbe essere una vittoria per l’e-commerce e gli editori che, per il branding motivi, preferisce vedere il loro dominio, di fronte, nella barra degli indirizzi.

Per gli utenti del sito web, dopo aver corretto l’URL nella barra degli indirizzi sarà più facile copiare l’URL di un sito per salvare o condividere.

Argomenti Correlati:

Mobilità

Cloud

Enterprise Software

Intelligenza Artificiale

Hardware