La sentenza della Corte Suprema soffoca gli sforzi della FTC per penalizzare MoviePass per cattiva gestione dei dati e limitazione degli utenti

0
6

Jonathan Greig

Di Jonathan Greig | 10 giugno 2021 — 19:39 GMT (20:39 BST) | Argomento: E-Commerce

L'FTC e MoviePass hanno risolto questa settimana una controversia sulle pratiche commerciali dell'azienda e sulla sicurezza dei dati, con la società che deve affrontare poche conseguenze per un'ampia varietà di reati presunti dalla commissione in un 13- denuncia della pagina.

MoviePass, una controversa app in abbonamento che permetteva alle persone di vedere un film al giorno con un canone mensile di $ 9,95, ha avuto un andamento tumultuoso sin dalla sua fondazione nel 2011. Al suo apice, la società aveva più di tre milioni di abbonati.

In poco tempo, le persone dietro MoviePass si sono rese conto che non sarebbero state in grado di acquistare biglietti in blocco o di recuperare i costi in altri modi, invece di fare perno per rendere l'app più difficile da navigare per le persone che la utilizzano più volte al mese. Hanno detto ai regolatori nel 2018 che stavano perdendo $ 20 milioni al mese. L'app è stata chiusa nel 2019 e la società ha dichiarato bancarotta nel 2020.

Daniel Kaufman, direttore ad interim del Bureau of Consumer Protection della FTC, ha affermato che MoviePass e i suoi dirigenti hanno fatto di tutto per negare ai consumatori l'accesso a il servizio per il quale hanno pagato, pur non riuscendo a proteggere le loro informazioni personali.

Nella denuncia, la FTC ha criticato MoviePass e i suoi leader per aver invalidato intenzionalmente le password degli abbonati al fine di impedire alle persone di utilizzare l'app troppo spesso ogni mese. Il team di MoviePass ha ripetutamente mentito agli utenti che avevano scoperto “attività sospette o potenziali frodi” e hanno dovuto chiudere gli account che stavano guardando molti film ogni mese. Lo hanno fatto a più di 75.000 utenti.

La società ha anche creato un programma di verifica dei biglietti per circa 450.000 utenti ad alto volume come modo per limitare intenzionalmente il loro utilizzo. Il sistema di verifica ha avuto problemi significativi ma, come il primo problema, gli operatori dell'azienda hanno utilizzato il sistema per chiudere gli account utilizzando l'app troppo spesso.

La FTC ha anche affermato che MoviePass ha creato “cavi di viaggio” che hanno permesso loro di impedire agli utenti che hanno visto più di tre film al mese di utilizzare il servizio. Una volta che un utente iniziava a costare all'azienda più di una certa soglia, veniva inserito in un gruppo che veniva bloccato.

Mitchell Lowe e Theodore Farnsworth, rispettivamente CEO di MoviePass e della società madre Helios e Matheson Analytics, sono stati entrambi personalmente coinvolti in questi sforzi. La FTC ha accusato Lowe di aver scelto personalmente il numero di utenti da prendere di mira con gli schemi e Farnsworth di trovare scuse per le interruzioni dell'account.

La società è stata anche accusata di aver violato il Restore Online Shoppers' Confidence Act per pratiche ingannevoli e di fornire una sicurezza poco brillante per nomi, indirizzi e-mail, date di nascita, numeri di carta di credito e informazioni di geolocalizzazione degli utenti.

MoviePass presumibilmente conteneva informazioni finanziarie personali in testo semplice e non aveva alcuna crittografia o restrizione su chi poteva accedere ai dati.

Nonostante tutto ciò, Lowe, Farnsworth e gli altri operatori dietro MoviePass non subiranno in gran parte sanzioni. Una sentenza della Corte Suprema ad aprile ha effettivamente privato la FTC di qualsiasi potere di cui disponeva per garantire la restituzione ai consumatori e l'agevolazione monetaria, lasciando loro poche opzioni per penalizzare le aziende impegnate in pratiche ingannevoli.

La presidente ad interim Rebecca Kelly Slaughter ha affermato che la Corte Suprema si è pronunciata “a favore degli artisti della truffa e delle società disoneste, lasciando che gli americani medi paghino per comportamenti illegali”.

“Con questa sentenza, la Corte ha privato la FTC dello strumento più potente che avevamo per aiutare i consumatori quando ne avevano più bisogno”, ha aggiunto Slaughter.

Lowe, Farnsworth e gli altri gli operatori dietro MoviePass non hanno dovuto ammettere ufficialmente nessuna delle violazioni elencate nella denuncia o nell'accordo di 17 pagine.

L'unica sanzione inflitta dalla FTC è stata un'ordinanza che impedisce agli operatori MoviePass di commettere nuovamente la stessa violazione. Lowe e Farnsworth saranno costretti a “implementare un programma di sicurezza completo” per qualunque impresa inizieranno e dovranno affrontare il controllo delle loro pratiche da parte delle autorità di regolamentazione. Qualcuno della nuova impresa dovrà aggiornare la FTC sul rispetto dell'ordine.

Il voto per approvare l'accordo di consenso è passato 3-1, ma il commissario Noah Joshua Phillips ha rilasciato una dichiarazione di dissenso feroce in cui ha affermato che la sentenza ha aggiunto ulteriore confusione al processo consentendo alle società di farla franca senza pagare nulla.

Juliana Gruenwald, portavoce della FTC, ha difeso l'accordo, affermando che se qualcuno coinvolto in MoviePass viola l'ordine, potrebbe incorrere in sanzioni pecuniarie fino a $ 43.792 per violazione.

Justin Brookman, direttore della politica sulla privacy e sulla tecnologia dei consumatori per Consumer Reports, ha spiegato che il Congresso non ha dato alla FTC l'autorità per ottenere sanzioni per violazioni di questo tipo.

Questo sistema ha portato a una situazione in cui le aziende “spesso ottengono un morso gratuito alla mela per violare la legge con conseguenze limitate”.

“La FTC era in grado almeno di ordinare la sboccatura di guadagni illeciti e rimborsi, ma la Corte Suprema ha recentemente stabilito 9-0 che la FTC in realtà non ha quell'autorità nella maggior parte dei suoi casi. Quindi la FTC è diventata ancora più debole”, ha detto Brookman.

Ha aggiunto che il Congresso sta esaminando una legislazione che conceda esplicitamente alla FTC la capacità di costringere le aziende a rinunciare ai profitti derivanti da attività illegali e a ottenere rimborsi, ma tale legislazione non è ancora stata approvata.

Eppure anche quella proposta di legge non avrebbe permesso alla FTC di imporre sanzioni oltre alla sgombero dei profitti o alla restituzione, ha spiegato Brookman, osservando che la menzione della FTC del fallimento di entrambe le società intendeva dimostrare che le sanzioni pecuniarie avrebbero essere difficile da ottenere anche se gli fosse permesso di imporli.

“In generale, penso che la FTC sia stata troppo morbida nel cercare di imporre uno sgravio monetario dove potevano, ma se la società è in bancarotta, hanno opzioni limitate”, ha detto Brookman. “Forse avrebbero potuto cercare di perseguire direttamente le persone, ma non conosco lo stato della loro situazione finanziaria e la FTC è stata generalmente riluttante a perseguire le persone finanziariamente.”

Leggi questo

FTC perde la pazienza con i patent trolls

FTC perde la pazienza con i troll dei brevetti

La FTC presto affronterà le aziende esistenti esclusivamente per acquistare e riscuotere royalties sui brevetti.

Ulteriori informazioni

Argomenti correlati:

Governo – US Amazon Start-Ups Innovation Security Jonathan Greig

Di Jonathan Greig | 10 giugno 2021 — 19:39 GMT (20:39 BST) | Argomento: E-Commerce

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here