Il governo Modi accusato di spiare critici e oppositori utilizzando lo spyware Pegasus

0
12

Rajiv Rao

Di Rajiv Rao per New Tech for Old India | 22 luglio 2021 — 05:07 GMT (06:07 BST) | Argomento: Sicurezza

Proprio quando il governo nazionalista indù di Narendra Modi sta cercando di riprendersi dalla diffusa condanna internazionale e locale per la sua colpevolezza nell'apocalisse COVID dell'India, ora viene deriso per quello che alcuni chiamano il Watergate indiano.

Un potente strumento di sorveglianza chiamato Pegasus, prodotto dalla società israeliana NSO e concesso in licenza solo ai governi, sarebbe stato utilizzato in India per curiosare sui telefoni cellulari di un massimo di 1.000 persone negli ultimi sei anni, secondo un'innovativa indagine collaborativa globale di un consorzio chiamato Pegasus Project.< /p>

Il progetto comprendeva più di 80 giornalisti che lavoravano per 17 organizzazioni mediatiche in tutto il mondo, tra cui il Guardian, l'India's The Wire e il Washington Post.

I bersagli indiani erano persone di diverse professioni, inclusi giornalisti e oppositori politici. , o critici delle politiche di Modi.

Secondo quanto riferito, il leader del partito di opposizione Rajiv Gandhi è stato selezionato due volte per la sorveglianza. Così è stato lo stratega politico Prashant Kishor, che ha aiutato Modi a vincere le elezioni del 2016, ma da allora è diventato un critico del politico. Kishore ha recentemente progettato una straordinaria sconfitta di Modi e del BJP nelle elezioni dello stato del Bengala occidentale, ma all'epoca non sapeva che il suo telefono era stato violato fino al giorno in cui è stato esaminato per le violazioni, secondo il rapporto.

Secondo quanto riferito, anche gli attivisti della giustizia sociale e del lavoro che hanno respinto quelle che considerano leggi antidemocratiche e regressive negli ultimi anni sono stati presi di mira dallo strumento di sorveglianza, insieme a religiosi buddisti tibetani e al capo della Fondazione Bill e Melinda Gates .

In tutto, a quanto pare sono stati elencati circa 1.000 numeri per la sorveglianza, ma l'indagine non ha potuto fornire una cifra precisa a meno che non fossero stati esaminati i dispositivi.

Il governo indiano ha respinto con forza il rapporto.

p>

“Le accuse relative alla sorveglianza del governo su persone specifiche non hanno alcuna base concreta o verità ad essa associata”, ha affermato in una nota il ministero indiano dell'elettronica e della tecnologia dell'informazione. “Qualsiasi intercettazione, monitoraggio o decrittazione di qualsiasi informazione attraverso qualsiasi risorsa informatica viene eseguita secondo un giusto processo di legge.”

Anche NSO Group, il produttore di Pegasus, ha negato con forza qualsiasi coinvolgimento e ha affermato che ” NSO Group continuerà a indagare su tutte le affermazioni credibili di uso improprio e a intraprendere le azioni appropriate in base ai risultati di queste indagini”.

COS'È PEGASUS?

Nella mitologia greca, Pegaso è noto per essere un cavallo dalle ali bianche, ma in questi giorni lo spyware israeliano con lo stesso nome potrebbe ora essere il più noto dei due.

Lo spyware consente ai clienti di hackerare telefoni cellulari e sbirciare messaggi, feed della fotocamera e microfoni, in altre parole l'intera vita di una persona. Lo sviluppatore della tecnologia NSO afferma di vendere il software ai governi come strumento per combattere il terrorismo e la criminalità.

Non è chiaro quanti dei circa mille numeri selezionati per la sorveglianza in India siano stati effettivamente spiati su.

Tuttavia, il Washington Post ha riferito che un campione di 22 smartphone in India per prove di hacking attraverso analisi forensi ha rivelato che 10 erano stati infettati con successo da Pegasus.

Otto dei restanti 12 telefoni testati come inconcludenti ma erano tutti Telefoni Android, che apparentemente non registrano le informazioni necessarie per rilevare l'intrusione.

Complessivamente, 50.000 di questi numeri di telefono in tutto il mondo appartenenti a politici, giudici, avvocati, insegnanti e altri sono stati apparentemente intercettati da vari governi.

Attualmente, questo ignobile club include i governi dell'Azerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, Ungheria, Emirati Arabi Uniti e India.

La banca di 50.000 numeri in tutto il mondo è stata aperta per la prima volta dall'organizzazione giornalistica non profit Forbidden Stories e Amnesty International prima che entrambi in seguito si unissero alle organizzazioni dei media per far parte del progetto Pegasus.

Forbidden Stories ha coordinato le indagini mentre il Security Lab di Amnesty's International ha guidato le analisi forensi.

Mentre il governo indiano ha confutato con forza il rapporto, gli osservatori hanno sottolineato che qualsiasi piano per curiosare sui cittadini deve essere approvato da un anziano funzionari del Ministero dell'Interno, il che significa che non necessitano di supervisione giudiziaria per andare avanti.

COPERTURA CORRELATA

Con Modi che schiaccia Twitter, l'amore dell'India per le grandi tecnologie potrebbe finire
Twitter etichetta i nuovi poteri di blocco dei contenuti dell'India come una minaccia alla libertà di espressioneL'India chiede alle piattaforme di social media di rimuovere i contenuti COVID-19 utilizzando l'etichetta “variante indiana”
Il governo Modi soffoca il dissenso sull'apocalisse COVID dell'India con i blocchi dei social media
WhatsApp fa causa all'India mentre entrano in vigore le leggi draconiane di Modi per i media digitali
Twitter rispetta gli ordini del governo indiano di bloccare centinaia di account
Perché gli agricoltori indiani sono così infuriati con i piani agritech di Reliance?
L'India ha ordinato di rivedere la sospensione dei servizi Internet in Kashmir

Argomenti correlati:

India Security TV Data Management CXO Data Center Rajiv Rao

Di Rajiv Rao per New Tec h per l'antica India | 22 luglio 2021 — 05:07 GMT (06:07 BST) | Argomento: Sicurezza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here